Con la primavera arriva dallo spazio SPACY, l’eroe anti-COVID



Inizia il progetto innovativo sponsorizzato dall’ESA, Agenzia Spaziale Europea, nato dall’incontro tra l’IRCCS Giannina Gaslini di Genova con Hypex, startup italiana, specializzata nella video-interattività.

Dal 4 aprile è disponibile gratuitamente su tutti gli store digitali

SPACE FOR CHILDREN, l’app rivoluzionaria che attraverso il gioco sosterrà i bambini nel fronteggiare l’impatto con la pandemia

Genova, 19 marzo. Quest’anno a Pasqua i più piccoli avranno una sorpresa in più e arriverà direttamente dallo spazio. Si chiama Spacy ed è il protagonista di Space for Children, innovativa app interattiva pensata per aiutare i bambini a destreggiarsi in un momento storico particolarmente complesso e stressante.

Disponibile gratuitamente su tutti gli store digitali per almeno sei mesi a partire dal 4 aprile, Space for Children è un originale esperimento di iper-interattività in grado di rivoluzionare l’esperienza del gioco e aprire nuovi sentieri di supporto per i più giovani.

Space for Children è stata ideata e progettata da Hypex, grazie al supporto scientifico dell’Istituto Giannina Gaslini e al finanziamento dell’Agenzia Spaziale Europea che, attraverso il bando “Space in response to COVID-19 outbreak”, su proposta dell’Agenzia spaziale Italiana (Asi), in accordo con il Ministero per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione e alla Presidenza del Consiglio, ha messo a disposizione circa 10 milioni di euro per supportare servizi che utilizzino lo spazio per migliorare l’assistenza sanitaria e l’apprendimento a distanza come risposta alla pandemia di Coronavirus.

Space for Children, è un progetto unico nel suo genere a livello mondiale e nasce con un duplice obiettivo: attraverso una mini sit-com Fanta-Comedy, composta anche da quiz e giochi da risolvere, Space for Children consentirà ai bambini di acquisire, in maniera semplice e immediata, informazioni fondamentali sul difficile contesto in cui si trovano a causa della pandemia. Il coinvolgimento attivo del bambino affonda le radici nell’esigenza di aprire un canale comunicativo efficace: il gioco attraverso un dispositivo mobile, strumento familiare e non giudicante, offre ai più piccoli una comfort zone nella quale si potranno esprimere con la massima libertà.

E il gioco interattivo è un modo interessante, moderno ed efficace per interfacciarsi con le nuove generazioni che, come dimostrato da diversi studi, apprendono con maggiore facilità proprio attraverso il gioco.

Novità assoluta è che, contrariamente a quanto accade nei tradizionali videogiochi digitali, in Space for Children il bambino interagirà anche con veri attori in carne e ossa, ripresi in azioni dal vivo e che risponderanno ai comandi dello spettatore in un modo mai realizzato prima d’ora.

Grazie a Hypex, società innovativa e pioniera nel settore della Realtà Interattiva, il giocatore vivrà un’esperienza video live-action inedita, immersiva e coinvolgente che, a differenza dalla realtà aumentata (AR) e dalla realtà virtuale (VR), gli permetterà di entrare nella storia e in luoghi reali, controllando situazioni e attori reali.

Si tratta di un gioco didattico in primis, perché attraverso il racconto di una storia e stimolando i piccoli utenti a interagire con un mondo onirico e di fantasia, si trasferiranno nozioni e spiegazioni sulla attuale situazione di emergenza e sui corretti comportamenti da tenere.

Ma ha anche un deciso obiettivo scientifico. Questa primavera uno studio elaborato dai ricercatori del Gaslini aveva già evidenziato una serie di problematiche psicologiche causate dal lockdown sui minori quali irritabilità, difficoltà di addormentamento, risvegli notturni, inquietudine o ansia da separazione. Ora con Space for Children le modalità di interazione e le scelte effettuate (raccolte in modo anonimo e con assoluto rispetto della privacy) verranno elaborate dai medici e ricercatori del Gaslini, con l’obiettivo di rendere pubblica, a tutta la comunità scientifica e al termine della fase di sperimentazione, una nuova ricerca aggiornata sugli effetti e sulle conseguenze psicologiche che questa pandemia sta provocando sui bambini.

“Abbiamo fatto sin da subito nostro il progetto ‘Space for Children’, dichiara la dottoressa Silvia Scelsi, responsabile del Dipartimento delle professioni sanitarie dell’Ospedale Gaslini. Abbiamo messo nel progetto tutta la nostra esperienza e anche quanto emerso, nella primavera scorsa, dal survey ‘Ciao come stai?’. Sarà estremamente importante per noi sia valutare se ci siano stati cambiamenti negli stati d’animo e nelle percezioni del virus da parte dei più piccoli, così come testare nuovi strumenti di interazione e di ingaggio digitali, sia a scopo educativo che terapeutico”.

“Il carattere ludico-formativo del progetto non è una novità, spiega Riccardo Boccuzzi, founder e amministratore delegato di Hypex, nonché regista e anima del progetto. Il gaming è oramai connotato quasi obbligatorio per parlare al target dei giovanissimi. Interagire con attori in carne e ossa è invece sicuramente una novità e la fortissima empatia che si crea con Spacy nasce come reale necessità per esorcizzare una sorta di tabù sul Coronavirus, o meglio sugli aspetti più critici che il virus ha messo in scena con il suo arrivo nella vita dei bambini. Più in profondità scendiamo, selezionando i lati più oscuri dello scenario da comunicare, più in alto dobbiamo volare a livello narrativo/estetico per far sì che quello scenario venga “esorcizzato”. Se vogliamo ad esempio parlare del tanto temuto tampone senza spaventare i bambini, dobbiamo farlo con i due occhioni dolcissimi di Spacy in una piattaforma spaziale o addolcire il racconto con una musica disneyana durante il gioco della campana.

L’esperienza complessiva dell’app è costituita da quattro cortometraggi, ognuno con un protagonista diverso: due femmine e due maschi, che corrispondono come età alle due fasce di utenza immaginata dai creator (CHILDREN, fra i 7 e i 9 anni, e la KIDS, tra i 10 e i 12 ).

Con semplici gesti o movimenti delle dita sul touch-screen, i giovani utenti potranno cambiare gli sviluppi della trama, decidere  le azioni che il protagonista dovrà compiere o scegliere la risposta che dovrà dare.

Il software brevettato Hypex consentirà di trasformare gli input ricevuti attraverso gli smartphone e tablet in istruzioni che determineranno l’evoluzione del videoclip. Il risultato è che ogni attore, a seconda del gesto compiuto dal bambino sul dispositivo mobile, agirà sullo schermo in modi diversi e l’evoluzione narrativa si adatterà alle scelte fatte.

La sceneggiatura, semplice ma perfettamente mirata, è stata elaborata insieme a pediatri e psicologi infantili del Gaslini, per studiare nel dettaglio gli spunti di indagine e “terapeutici” da introdurre nella storia per far sì che dal “modus interagendi” si possano poi trarre informazioni utili a definire un quadro psicologico generale delle nostre piccole generazioni.

L’app, fruibile tramite smartphone e tablet, sia Apple che Android, sarà scaricabile almeno fino a settembre, un tempo ritenuto idoneo per veicolare messaggi utili e allo stesso tempo per raccogliere la risposta emotiva dei bambini attraverso l’interazione digitale.

“Siamo soddisfatti e entusiasti del progetto ‘Space for Children’, sostiene la dottoressa Beatrice Barresi, Project Manager dell’ESA, responsabile del progetto. È un prodotto altamente innovativo che mette in luce anche nuove possibilità di utilizzo della tecnologia spaziale. Grazie all’uso di questa app nessun bambino sarà escluso dal poter fare questa esperienza e, grazie al segnale di geolocalizzazione fornito dai satelliti, a ciascuno potrà essere data una risposta personalizzata, diversa - se sarà il caso - da luogo a luogo, in funzione dei colori delle Regioni e delle norme in vigore”.

Space for Children è dunque una nuova forma di Scientific Edutainment (Educational Entertainment), che parla ai giovanissimi nella loro lingua ed è in grado, senza trascurare il loro diritto al divertimento, di veicolare nozioni di altissimo valore educativo, raccogliendo nel contempo informazioni sui discenti (dal livello di apprendimento agli stati d’animo).

E non si vuole finire qui, perché lo “spazio” dei bambini è grande ed importante. Sono infatti allo studio i prossimi episodi delle avventure di Spacy e dei suoi giovani amici, che si confronteranno questa volta con temi come il rispetto per l’ambiente, la corretta alimentazione, le relazioni interpersonali, la parità di genere o la lotta al bullismo.

“‘Space for Children’ è un progetto per tutta la famiglia, conclude Cosimo de Russis, presidente e founder di Hypex. Non solo dovrà essere scaricata sui dispositivi dei genitori, ma loro stessi verranno coinvolti da Spacy durante l’esperienza e potranno affiancare i figli durante tutto il gioco. E aggiunge:  Siamo molto orgogliosi, per una giovane impresa potersi già confrontare e collaborare con giganti come l’ESA o il Gaslini è un grande onore e opportunità. Stiamo già pensando ai prossimi progetti, tra cui la piattaforma software che permetterà a tutti di avvicinarsi alla Realtà Interattiva”.

 

Istituto Giannina Gaslini
L’Istituto Gaslini ha iniziato l’attività nel lontano 1938 ed è il più grande ospedale pediatrico del nord Italia, con i suoi 22 edifici disposti su oltre 73.000 mq di litorale, due terzi dei quali destinati a parco.
Al Gaslini lavorano oltre 2.000 persone, tra medici, infermieri, universitari e ricercatori. Ci sono tutte le specialità pediatriche, numerosi laboratori e cattedre universitarie convenzionate, molte delle quali con relative scuole di specializzazione.
Mediamente sono 500 i posti letto complessivi, circa 50 mila i ricoveri all’anno (tra ordinari, day hospital e ambulatoriali), con più di 40 mila accessi al Pronto Soccorso di 2° livello.
Circa il 45% dei bambini proviene da altre Regioni – nord compreso - e dall'estero, e in alcuni reparti d’eccellenza la percentuale di ricoveri da fuori Regione supera l’80 %.
Sono circa 600 l’anno i pazienti di nazionalità straniera, provenienti mediamente da sessanta paesi del mondo.

 

Hypex
Grazie al suo brevetto, Hypex srl è la pioniera della Realtà Interattiva, nuova area di applicazione che fonde in maniera originale l’ingegneria del software con quella del racconto visivo. Recentemente selezionata tra le più interessanti startup innovative italiane, ha in corso collaborazioni con università di prim'ordine, centri di ricerca internazionali e marchi leader per lo sviluppo di nuove piattaforme software, di nuovi linguaggi visivi  e di nuovi modelli di business. Hypex ha già presentato la sua tecnologia ai più importanti Festival del Cinema in Italia (BiF&ST di Bari e Festa del Cinema di Roma) e ha condotto il primo corso accademico al mondo sul “Cinema Interattivo” a Cinecittà, tenuto presso il Centro Sperimentale di Cinematografia e presentato alla Mostra del Cinema di Venezia 2019 da "BIANCO e NERO", la più antica rivista cinematografica del mondo.